Covid19: tristezza o depressione? Differenza e rimedi naturali

In questo periodo di pandemia Covid-19 è aumentata la possibilità di provare emozioni di impotenza, tristezza o in casi più gravi l’insorgenza di sintomi depressivi. Per questo la mindfulness integrata alla psicologia vuole essere uno strumento concreto a chi sta vivendo un periodo di disagio o sofferenza psicologica. La mindfulness aiuta a fronteggiare l’insorgenza di pensieri negativi.

Nel nostro studio e in videochiamata si svolgono percorsi di psicologia e Mindfulness per poter far fronte a depressione e cambi dell’umore, a ridurre le caratteristiche disfunzionali del pensiero dalle quali deriva una visione negativa di sè e delle esperienze in corso e del futuro. 

E’ assodato che stiamo vivendo un periodo di particolare difficoltà e anche la nostra mente si trova in affano, in questo periodo i casi di depressione aumentano. Ciò si riconduce alla scarsa socialità, alle preoccupazioni economiche e alla situazione di incertezza lavorativa. A ciò si aggiunge l’impossibilità di spostarsi e l’occulusione da nuovi stimoli esterni, la mancanza di attività fisica, l’impossibilità di apprezzare nuova arte e cultura, un’alimentazione che cede a cibi spazzatura per noia, la costante frustrazione e condizione mentale di non vedere una via d’uscita; ciò ci fa sentire in mente e corpo deboli, demotivati e tristi. Creare nuovi stimoli è invece fondamentale perchè aumenta la creazione di sinapsi nel cervello che portano al rilascio dell’ormone del piacere.

Quando parlare di tristezza e quando di depressione

Capita a tutti di sentirsi triste, non è una cosa da nascondere o di cui vergognarsi. Siamo tuti tristi di tanto in tanto, magari perchè è finita una relazione o è morto il proprio animale domestico. La depressione invece è un disturbo psicologico di rilevanza clinica, caratterizzato da sensazioni di estrema abbattimento, mancanza di sicurezza e di malinconia. La depressione, a differenza della tristezza o dei periodo di lutto, ha carattere persistente.

Gli studi dimostrano che un uomo su dieci e una donna su quattro soffrono di una grave forma di depressione in qualche momento della loro vita. Farmaci e psicologia sono i trattamenti più comuni ma nel nosto studio Consapevolmente e nei nostri percorsi online consideriamo anche dei rimedi naturali, che vi illustreremo in questo articolo.

Rivolgersi a un professionista è sicuramente il primo passo. Nel nostro studio la psicologa Martina Sciacca svolge sedute sia in presenza che online. Svolgimento di un programma di intervento mirato a ridurre le caratteristiche disfunzionali del pensiero dalle quali deriva una visione negativa di sè e delle esperienze in corso e del futuro. Si applica inoltre il protocollo mindfulness MBCT per prevenire le ricadute depressive. 

Mindfulness per la depressione

Il strumento naturale che vi proponiamo è la Mindfulness e l’esercizio del “Trapezio della speranza”. Sarebbe ideale svolgere questa meditazione guidata la mattina appena svegli e ripeterla per più giorni. Immaginatevi di essere un trapezista, sull’altissima piattaforma dellla quale state per lanciarvi con il trapezio. Ora visualizzatevi mentre vi lanciate da sinistra a destra. Da destra, c’è un altro trapezista che arriva verso di voi. Dondolate nell’aria, cercando di raggiungere la spinta giusta per lanciarvi. Quando siete pronti, lasciate andare il vostro trapezio e afferrate l’altro. Osservatevi mentre arrivate sani e salvi sulla piattaforma di destra. Afferrate una corda dorata e calatevi fino a terra. Circondate voi stessi e una persona che amate con questa corda, poi visualizzatevi avvolti in una luce dorata.

Fiori di Bach per la depressione

I fiori di Bach sono molto indicati nel trattamento di una serie di disturbi associati a leggeri stati depressivi.

  • Mustard: è il fiore che consigliamo poichè trasforma la tristezza in gioia di vivere, aiutando a ripristinare la capacità di affrontare con equilibrio gli alti e bassi della vita. Ritorna la serenità anche nel buio.
  • Wild Rose: è il fiore grazie al quale si ritrova interesse nella vita, capacità di lottare, iniziativa, motivazione interiore, la vitalità e del senso dell’umorismo. Ci si libera della noia, s’impara ad amare la vita in ogni sua parte, affrontando a testa alta piaceri e dolori.

Contattate il centro per poter ricevere la vostra miscela di Fiori di Bach per riequilibrare le vostre emozioni e alleviare la tristezza.

Posizioni Yoga per la depressione

Dedicarsi anche solo 20 minuti al giorno per svolgere queste posizioni aiuta ad alleviare la sensazione di non essere in grado di affrontare le sfida della vita quotidiana. Le seguenti posizioni vi aiuteranno a migliorare la circolazione sanguigna, aiutando a vincere il torpore che spesso accompagna la depressione.

  • Posizione del danzatore: per svolgere questa posizione seguite queste indicazioni. Dalla posizione in piedi porta la mano destra all’indietro e afferra la parte interna del piede sinistro, poi porta anche la mano sinistra all’indietro e afferra la parte esterna del piede sinistro. A questo punto solleva la coscia sinistra portando il piede verso l’alto.
  • Posizione del cane: Per svolgere questa posizione mettiti sulle ginocchia e sulle mani, assumendo la posizione del gatto. Con le dita della mano ben allargate, spingi i palmi delle mani a terra Mentre espiri fai perno sulla punta dei piedi e alza le ginocchia da terra, sollevando il bacino verso l’alto.

Musicoterapia per la depressione

La musica lenta e rilassante aiuta a gestire alcune frequenti cause di depressione, quali frustrazione, tristezza e ansia. In particolre le musiche registrate alla frequenza di 432Hz permettono di rallentare la frequenza cardiaca e aumentare la concetrazione sulle proprie sensazioni. Vi proponiamo le nostre playlist dedicata alla musicoterapia disponibile al nostro canale Youtube.

Ayurveda: la depressione secondo la medicina naturale indiana

Secondo l’Ayurveda, la depressione non è una malattia, ma è uno squilibrio del dosha. Per dosha si intende l’energia vitale e lo stato psicofisico che una persona possiede in un determinato momento della vita. Alla base della medicina Ayurvedica vi è la teoria secondo cui la salute consiste in un equlibrio tra i tre fondamentali dosha: Vata, Pitta e Kapha. Vata è associata all’elemento dell’aria e governa i movimenti del corpo. Pitta è caratterizzata dall’elemento del fuoco quindi la sua qualità principale è il calore ed è l’energia responsabile del metabolismo e della trasformazione. Kapha è l’energia collegata alla terra per questo è l’elemento nutriente del corpo. Secondo la medicina ayurvedica uno squilibrio delle energie vitali di Vata, Kapha o Pitta può portare alla depressione. Una carenza di energia Vata (depressione Vata) si manifesta con paura e ansia, quella di Pitta con la paura di falliere, perdere il controllo o sbagliare, quella di Kapha con stanchezza e aumento di peso. Secondo il medico ayurvedico V.Lad il primo passo per curare la depressione è intervenire sulla dieta, in modo da ridurre lo squilibrio del dosha. Per la depressione Vata, V. Lad consiglia di sorseggiare tè allo zenzero e centella asiatica nel corso della giornata in quanto questi due elementi aiutano a scaldare e a riattivare l’energia Vata. Può essere utile inoltre svolgere dell’attività fisica cardio, poichè scalda il corpo. Per la depressione Pitta è consigliato massaggiare con olio di cocco il corpo, poichè ha un effetto rinfrescante e riequlibrante sull’energia fuoco di Kapha. Il medico ayurvedico consiglia di bere acqua di cocco e di idratarsi costantemente con acqua fresca. Per questo tipo di depressione l’ayurveda consiglia attività calmanti per “spegnere” l’eccesso di energia attraverso la pratica di meditazione e di yoga. Per la depressione Kapha, la medicina ayurvedica consiglia esercizio fisico quotidiano, una dieta leggera, attività mentali stimolanti e pratiche di meditazione e yoga energizzanti con lo scopo di risvegliare l’energia e uscire dallo stato di stanchezza.

Terapia nutrizionale per la depressione

Anche la dieta può avere effetti benefici sul tono dell’umore, è quindi importante scegliere cibi che apportino energia al nostro corpo. Il primo passo è eliminare lo zucchero, i cibi raffinati, la caffeina e l’alcool, ovvero tutti gli elementi che possono far peggiorare la depressione modificando i processi biochimici dell’organismo. Punta invece su questi alimenti che conducono al buonumore!

  • Funghi, antidepressivi naturali, ma anche broccoli, carciofi, banana e porri, per citarne alcuni. Questi alimenti sono ricchi di inulina che protegge il sistema immunitario e condiziona positivamente mente e umore.
  • Mirtillo, alimento che riduce l’infiammazione al cervello collegata alla depressione.

Se necessitate di più consigli per strutturate un tipo di alimentazione consapevole, contattate lo studio e la nostra nutrizionista potrà affiancarvi.

Fitoterapia per la depressione: le erbe utili

Citiamo anche la fitoterapia come strumento che può supportare casi depressivi. Tra le piante con maggior azione antidepressiva troviamo l’Iperico. Questa pianta è da tempi antichi considerata un rimedio eccellente per la cura dell’ansia, della melanconia, per l’insonnia e l’inquietudine nervosa.

Se necessitate di un consulto fitoterapico, contattate lo studio e la nostra nutrizionista specializzata in fitoterapia per prenotare una consulenza.

Dott.ssa Martina Sciacca, psicologa del benessere e trainer senior mindfulness, presso lo studio Consapevolmente Lecco o in videochiamata.

I miei contatti: 📲 371 3414953 📩 consapevolmentelc@gmail.com

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è psicologia-3-1024x641.jpg
Default image
Centro Consapevolmente
Articles: 17

Leave a Reply